Ansa Salute&Benessere 

Fecondazione: 30% donne che la fanno sono over 40.

Aumenta del 50% rischio anomalie cromosomiche e abortività. 

ANSA – Ogni anno il 30% delle donne che effettuano un ciclo di fecondazione medicalmente assistita, ovvero circa 14.000, hanno più di 40 anni. E’ da loro che arriva la maggior parte delle richieste di diagnosi preimpianto, ovvero da persone che non hanno un rischio familiare specifico ma solo quelli legati all’avanzare dell’età riproduttiva della coppia. Pochi ancora, però, i centri di procreazione assistita in cui è possibile effettuarla. Si parlerà di questo al congresso che si terrà a Roma il 13 e 14 Febbraio “The new era of PGS application in ART”. Organizzato dal centro specializzato in medicina riproduttiva GENERA, che vedrà la partecipazione di numerosi esperti internazionali per fare il punto sullo sviluppo e le potenzialità di nuove metodiche nel trattamento dell’infertilità.

“Superati i 40 anni della donna si ha aumentata predisposizione a produrre embrioni con anomalie cromosomiche non legate alla storia familiare, ma che sorgono ex novo e sono legate principalmente all’invecchiamento degli ovociti, ovvero dei gameti della donna”, spiega Antonio Capalbo, genetista. Il tipo di esame in questo caso (Screening Genetico delle aneuploidie Preimpianto o PGS) è leggermente diverso da quello per individuare malattie ereditarie (PGD) e riguarda non i geni materni o paterni ma solo il numero dei cromosomi ed è quindi un test uguale per tutti. E’ indicato per le donne over 35 anni con ripetuti fallimenti d’impianto dopo diversi cicli di procreazione assistita o coppie che hanno avuto aborti ripetuti. L’invecchiamento cellulare, infatti, si traduce in un aumento del rischio di produrre un embrione con un numero di cromosomi sovra o sottonumerari (corredo aneuploide), con ridotta capacità di impianto o che potrebbero portare a un aborto clinico dopo le prime settimane. Lo scopo, in questo caso, è quello di incrementare il tasso di gravidanza che arriva a termine per ogni trasferimento embrionale, minimizzare gli aborti ed evitare gravidanze gemellari o plurime che conseguono dal trasferimento di più embrioni insieme.

 

Per chi volesse scaricarsi il programma del convegno  G.EN.E.R.A. and BIOROMA symposium 2015 “The new era of PGS application in ART”: 13–14 February 2015 – Roma Eventi – Piazza di Spagna Via Alibert, 5

ecco il PDF