Fertility day: proteggere la fertilità maschile e femminile attraverso l’informazione e la prevenzione

Ad aprire il Fertility day dal “Centro Congressi Roma Eventi”, è il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin dichiarando che “Ci sono 700.000 persone che stanno provando ad avere figli e che non ci riescono per vari motivi, spesso per patologie che potevano essere curate. E molti non sanno che c’erano delle terapie, oggi gratuite”. Ecco perché è importante informare attraverso le campagne mirate che, aggiunge, “vanno fatte in maniera continuativa. Abbiamo un aumento vertiginoso di malattie sessualmente trasmesse fra i giovani, che si devono tutelare e proteggere, e di questo abbiamo fatto una delle issues della campagna. Puntiamo poi particolarmente a sensibilizzare i maschi: le donne sono più attente alla loro salute. Ci siamo battuti per inserire nei Lea alcune malattie come l’endometriosi, ma ci stiamo anche focalizzando sulla salute maschile e c’è una grande azione di informazione sul varicocele, un disturbo che colpisce i giovanissimi, che non vanno dall’andrologo. Mentre è importante che si sottopongano agli screening”. Inoltre il Ministro della Salute spera che “sia una grande giornata che possa dare almeno un primo spunto di informazione sulla propria salute e che se ne esca con molte nozioni in più“. “Insomma questo è il Fertility Day – conclude Lorenzin – Il nostro Piano nazionale fertilità è pienamente in linea con gli obiettivi posti dall’Organizzazione mondiale della sanità. L’Italia è in prima linea, era tanto che in questo Paese non si parlava di questi temi”.
Dopo il discorso del Ministro Lorenzin le Tavole Rotonde di Roma, Bologna, Catania e Padova affronteranno ciascuna alcune tematiche e discuteranno le azioni di prevenzione educazione e informazione, in linea con le politiche sanitarie nazionali e internazionali, che possono essere messe in campo per favorire comportamenti consapevoli per la protezione della fertilità nell’uomo e nella donna e verranno, inoltre, illustrate le attività del Ministero in tema di salute riproduttiva e il tema della fertilità nella recente approvazione dei LEA. Ecco i temi affrontati dalle singole tavole Rotonde :
FATTORI DI RISCHIO PER LA SALUTE RIPRODUTTIVA: QUALE PREVENZIONE?” è il tema affrontato dalla Tavola rotonda di Roma moderato dalla Giornalista Annalisa Manduca.
COME AIUTARE LA SALUTE RIPRODUTTIVA E DIFENDERLA ANCHE DAL CANCRO?” è, invece, il tema affrontato dalla tavola rotonda di Bologna.
FUNZIONE RIPRODUTTIVA COMPROMESSA: DIAGNOSI E POSSIBILI TERAPIE” è quello che si discuterà nella Tavola Rotonda di Padova, mentre Catania affronterà “L’ETA’ FERTILE NELL’UOMO E NELLA DONNA, L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE E DELL’INFORMAZIONE” .

Fertility day informazione e prevenzione della fertilità sia femminile che maschile