La nostra esperienza

Il reparto GENERA della Clinica Valle Giulia di Roma è un centro altamente specializzato in procreazione mediamente assistita (PMA) iscritto dal 2007 nel Registro Nazionale dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). La nostra visione è quella di fornire il più alto livello medico scientifico e la più grande cura del paziente per raggiungere l’obiettivo comune: l’ottenimento di una nascita. È mediante la professionalità degli operatori, l’uso delle più moderne apparecchiature e sofisticate procedure di Laboratorio, che il Centro è riconosciuto, a livello internazionale, per la sua eccellenza.

Il Centro è risultato essere dal 2013 il centro privato non convenzionato italiano che esegue il maggior numero di trattamenti di fecondazione assistita su base annua (dati ISS). I nostri risultati sono in linea con i migliori centri europei. Vengono riportati i dati 2010-2015 (registro nazionale PMA del ISS).

Le percentuali di successo dei differenti trattamenti di procreazione assistita sono legate all’età della donna, alla causa di infertilità e possono variare notevolmente da coppia a coppia e da ciclo a ciclo. Per ogni coppia viene scelta dalla nostra equipe un protocollo personalizzato in modo da ottimizzare i risultati per ciclo di trattamento. La nostra grande esperienza e l’alto livello tecnologico ci permette di avvalerci infatti di tutte le più sofisticate tecniche di fecondazione assistita.

CICLI FIVET / ICSI A SEGUITO DI STIMOLAZIONE OVARICA

Nel periodo 2010-2015 sono stati effettuati presso il reparto GENERA della Clinica Valle Giulia 6.474 cicli di prelievo ovocitario (OPU) per fecondazione assistita (FIVET-ICSI) di cui 6.170 sono giunti al trasferimento embrionale (ET) con embrioni freschi e/o congelati.

Il numero medio di ovociti maturi ottenuti è stato 5,5 per stimolazione. Questo numero varia notevolmente a seconda dell’età della donna, della riserva ovarica e del protocollo di stimolazione. Nelle donne con età inferiore a 35 anni vengono di media ottenuti circa 8 ovociti maturi.

Il numero di ovociti da inseminare non è stato fisso ma è determinato dal medico responsabile del trattamento in modo da ottimizzare il trattamento nel caso specifico (sentenza corte costituzionale 151/2009). Il tasso di fecondazione ovocitaria è risultato essere intorno al 70% sia con ovociti freschi che con ovociti congelati.

 

risultati biologici ovociti

 

Il tasso di sviluppo a blastocisti è risultato essere del 56% dopo l’inseminazione di ovociti freschi, del 44% dopo l’inseminazione di ovociti congelati e superiore al 70% con ovociti di donatrice.

La probabilità di ottenere una nascita viene espressa in percentuale per prelievo ovocitario (OPU) e per embryo transfer (ET). Vengono di seguito riportate le probabilità di successo nei diversi anni analizzati. Tali dati si riferiscono a trasferimenti di embrioni freschi e congelati.

 

risultati parti per ciclo e per ET

 

Quando i risultati vengono espressi a seconda dell’età della donna risulta chiaro come questo fattore sia il più importante nel predire la gravidanza.

 

Risultati gravidanze per ciclo 1100 OPU

 

Non tutti i cicli di prelievo ovocitario portano al trasferimento embrionale. Quest’ultimo può essere annullato per i seguenti motivi:

  • per mancato recupero di ovociti
  • per mancata fecondazione ovocitaria
  • per mancato sviluppo embrionale oppure per assenza di embrioni compatibili con l’impianto

La cancellazione del trasferimento embrionale in fresco può anche essere una decisione medica a tutela della salute della donna e/o per l’ottimizzazione della valutazione embrionale e/o per una migliore sincronizzazione tra endometrio ed embrione. In ogni caso vengono crioconservati gli ovociti maturi e/o gli embrioni vitali.

Dal 2013, alla luce dei nostri risultati anche pubblicati sulla prestigiosa rivista Human Reproduction (Ubaldi et al., 2015), della letteratura scientifica internazionale ed in assenza di altre indicazioni specifiche, viene consigliato il trasferimento di una singola blastocisti nelle donne con età inferiore ai 35 anni o di una singola blastocisti euploide nei casi di diagnosi pre-impianto in tute le fasce di età della donna.

I tassi di gemellarità ottenuti nel nostro centro sono di seguito riportati e sono risultati essere altamente dipendenti dalla politica del centro (con una significativa riduzione nel tasso di gravidanza gemellare e un azzeramento del tasso di gravidanza trigemina dal 2013 ed un’efficacia del trattamento invariato).

 

risultati gravidanze multiple

 

ll numero medio di embrioni trasferiti è stato 2,2 nel 2010, 1,9 nel 2011, 1,8 nel 2012, 1,4 nel 2013 ed infine 1,1 nel 2014 e 2015. Questa politica ha portato ad un significativo miglioramento degli outcomes ostetrici, con una riduzione dei parti pre-termine e soprattutto dei bambini nati sotto peso.

 

outcomes ostetrici

 

CICLI CON EMBRIONI E OVOCITI SCONGELATI

Nel corso dell’anno 2015 sono stati effettuati 764 cicli di scongelamento (da tecnica di VITRIFICAZIONE), di cui 742 sono giunti al trasferimento embrionario (97.1%). Sono state ottenute 308 gravidanze cliniche (41.5% per embryo transfer) di cui 244 a termine (32.8%). I risultati sono quindi perfettamente sovrapponibili a quelli ottenuti nei cicli freschi.

RISULTATI OTTENUTI NEI CICLI DI DIAGNOSI PREIMPIANTO PER SCREENING DI ANOMALIE CROMOSOMICHE, PGS.

Presso i laboratori GENERA dal 2010 è stata introdotta la diagnosi delle aneuploidie preimpianto (PGS) su embrioni allo stadio di blastocisti.

Tra il 2010 e 2015 sono state trattate 1382 coppie di cui 1076 hanno ottenuto almeno una blastocisti analizzabile (77,9%). L’età media della donna al momento del prelievo ovocitario è risultata essere 39,3 anni. Nel corso di 1276 cicli di PGS in cui almeno una blastocisti è stata ottenuta, sono state analizzate 3829 blastocisti (mediamente 2,9 per ciclo) di cui 2096 sono state diagnosticate come affette da una o più anomalie cromosomiche. Ne deriva un tasso di anomalie cromosomiche per embrione analizzato del 54,7%.

In 836 cicli (65,5%) è stata individuata almeno una blastocisti con assenza di anomalie cromosomiche.

 

risultati genera

 

 

risultati genera CPU

 

Sono stati effettuati 849 trasferimenti embrionali di 868 blastocisti risultate normali all’analisi cromosomica, i quali sono risultati in 375 gravidanze a termine e 382 bambini nati (anni 2011-2014). Il tasso di gravidanza a termine per trasferimento embrionale a seguito di PGS è risultato essere del 44,1%, mentre il tasso di impianto evolutivo del 44,0%. Importante notare come la quasi totalità delle gravidanze ottenute dopo PGS sono originate da trasferimento del singolo embrione, minimizzando, così, uno dei maggiori problemi dei trattamenti IVF dove spesso si osservano gravidanze gemellari e plurime che espongono a maggior rischio in gravidanza.

37 aborti sono stati registrati che si traducono in un tasso di aborto del 9%, percentuale notevolmente inferiore a quella registrata generalmente in donne con un’età materna media di 39,3 anni che concepiscono dopo fecondazione assistita.

 

risultati

 

risultati trasferimenti

 

 

Per trasparenza tutti i nostri costi sono consultabili alla pagina Costi economici